Chi riguarda la necessità di sostituzione della carta d’identità quest’anno?

Chi riguarda la necessità di sostituzione della carta d’identità quest’anno?

Il Ministero dell’interno della Repubblica slovacca sottopone all’attenzione che la firma elettronica con le vecchie carte d’identità con il cip sarà possibile solo fino alla fine dell’anno 2022. L’accesso alle caselle di posta elettronica e l’utilizzo della carta d’identità per dimostrare la propria identità resteranno tuttavia conservate anche dopo tale termine.

La sostituzione è necessaria solo per quei cittadini che utilizzano le proprie carte d’identità con il cip anche per la firma digitale degli atti. Detta firma è sotto il profilo giuridico equipollente alla sottoscrizione autografa. Qui è necessario controllare la data di rilascio della carta d’identità. Se ivi figura una data anteriore al 21 giugno 2021, al suo cip elettronico, o certificato, necessario alla firma, scadrà valenza il 31 dicembre 2022 e perciò è necessario ottenere una nuova carta d’identità. Attenzione: il documento non potrà essere richiesto in via elettronica, in quanto la sostituzione della carta d’identità a motivo dei certificati invalidi non è al momento prevista dalla legge.

Gli altri utilizzatori della corrispondenza telematica attraverso la carta d’identità, che continueranno anche in futuro a non manifestare interesse ad usarla anche per la firma, non dovranno sostituire il proprio documento entro la fine dell’anno, se la sua validità continuerà a perdurare.

Gli utilizzatori del certificato per la firma digitale saranno tempestivamente informati sulla necessità della sostituzione della carta d’identità. Il Ministero dell’interno avvierà una campagna di informazione solo a settembre 2022, della quale gli obbiettivi saranno in primo luogo gli utilizzatori attivi delle firme digitali con i certificati sui documenti rilasciati entro giugno 2021. Il dicastero si avvarrà soprattutto della via di informazione elettronica attraverso le caselle di posta elettronica ufficiali.

Il Ministero dell’interno attualmente collabora con il Ministero per gli investimenti, lo sviluppo regionale e la digitalizzazione (MIRRI) per trovare un soluzione che possa rappresentare un’alternativa alla sostituzione della carta d’identità. Probabilmente si tratterà di una soluzione di scorta che permetterà la firma a un livello inferiore.

You May Also Like