Le misure sul rimborso di parte dei costi eccessivi di gas ed elettricità – Aggiornamento all’8/11/2022

Le misure sul rimborso di parte dei costi eccessivi di gas ed elettricità – Aggiornamento all’8/11/2022

Lunedì 7/11/2022 il Governo della Repubblica slovacca ha compiuto un importante passo in avanti verso la tanto attesa erogazione di aiuti a sostegno delle imprese per far fronte agli eccessivi costi di gas ed elettricità. Ma andiamo con ordine.

Come noto, il 18 ottobre 2022 il Parlamento della Repubblica slovacca ha approvato un emendamento alla legge di bilancio per l’anno 2022, in forza del quale ha modificato il budget di spesa del bilancio dello Stato per l’anno 2022 da 21.471.898.885 di euro a 25.447.760 di euro, di cui 900.000.000 di euro sono destinati all’innalzamento del budget di spesa del Ministero dell’economia della Repubblica slovacca.

In questo modo, è iniziata la creazione della cornice normativa per permettere l’approvazione delle misure dirette a concedere alle imprese rimborsi di parte dei costi eccessivi di gas ed elettricità. In questa direzione, lunedì 7/11/2022 il Governo della Repubblica slovacca ha approvato la delibera di una proposta di legge modificativa della legge sulle dotazioni concesse dal Ministero dell’economia della Repubblica slovacca. Tale proposta di legge dovrà essere approvata dal Parlamento ed a questo scopo il Governo ha chiesto di avvalersi della c.d. procedura accelerata, in considerazione della situazione emergenziale in atto.

La proposta di legge governativa in parola, nella versione originariamente approvata dal Governo, prevede innanzitutto:

  • La dotazione potrà essere concessa per la copertura dei costi eccessivi in conseguenza all’aumento dei prezzi di gas ed elettricità alle persone giuridiche, a condizione che sia rispetti lo schema di aiuti da approvare e il bando di presentazione delle domande;
  • Nel bando di presentazione delle domande di concessione della dotazione in oggetto, il Ministero dell’economia determinerà l’importo massimo della dotazione, il periodo di riferimento per la dotazione ed i costi riconosciuti per la determinazione dell’importo della dotazione;
  • La dotazione in esame potrà essere concessa sulla base di apposita domanda, da presentare in formato elettronico compilando un modulo che sarà pubblicato sul sito Internet del Ministero dell’economia;
  • Se l’importo della dotazione richiesto eccedesse un determinato valore, la domanda di concessione della dotazione dovrà indicare anche il titolare effettivo del richiedente;
  • In caso di accoglimento della domanda, la dotazione sarà accreditata al richiedente sulla base di una comunicazione di approvazione della dotazione che verrà inviata alla casella di posta elettronica ufficiale secondo la legge sull’e-Governament (slovensko.sk);
  • Con un regolamento del Governo dovrà essere ancora stabilito l’importo per un MWh di gas e l’importo per un MWh di elettricità ai fini della determinazione dell’ammontare della dotazione in oggetto.

In definitiva, con l’approvazione del disegno governativo di legge quivi descritto, viene compiuto un importante passo in avanti in direzione della concessione del sostegno statale alle imprese, con la finalità di coprire parte dei costi eccessivi dovuti agli aumenti dei prezzi di gas ed elettricità. Tuttavia, per istituzionalizzare le procedure e per conoscere maggiori dettagli ad oggi ignoti, bisogna ancora attendere (1) l’approvazione parlamentare della proposta governativa di legge deliberata, (2) lo schema di aiuti, (3) il bando di presentazione delle domande di dotazione e (4) il regolamento del Governo sulla determinazione dell’ammontare della dotazione.

Continuiamo come sempre a seguire gli sviluppi sulla tematica quivi illustrata e sarà nostra cura tenerVi informati.

You May Also Like